Stampa Pagina | Chiudi Finestra

test tecnology studio

Stampato da: Duetto Club Italia - Il forum
URL Discussione: http://www.duettoclub.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=9827
Stampato il: 16/01/2019

Discussione:


Autore Discussione: tino
Oggetto: test tecnology studio
Inserito il: 16/12/2009 08:33:02
Messaggio:

volevo sapere se qualcuno di voi ha gia' istallato questo dispositivo dove viene illustrato in un'articolo di granturismo su un gt, ed eventuali risultati come si descrive nell'articolo.
www.intellispark.it

Risposte:


Autore Risposta: spiderstef
Inserita il: 16/12/2009 11:31:29
Messaggio:

ciao tino, avevo aperto stesso topic tempo fa... dai un'occhiata

http://www.duettoclub.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=9065&SearchTerms=intellispark

Citazione:
Messaggio inserito da tino

volevo sapere se qualcuno di voi ha gia' istallato questo dispositivo dove viene illustrato in un'articolo di granturismo su un gt, ed eventuali risultati come si descrive nell'articolo.
www.intellispark.it



Autore Risposta: santana
Inserita il: 16/12/2009 12:58:42
Messaggio:

Io ce l'ho da 2 anni e non me ne separerò mai! Anche sul Cinquin andava na bomba!...non ho ancora trovato la rivista Granturismo ma se il GT è questo ...

Immagine:

78,25 KB

è di Niki l'inventore del Intellispark....!
L'ho sempre consigliato in quanto ho fatto da cavia per 2 anni e mezzo e quasi 10mila km ... !


Autore Risposta: tino
Inserita il: 16/12/2009 14:35:41
Messaggio:

si esatto sai per caso il costo?
e se è difficoltoso montarlo?
dall'articolo non sembrerebbe un'impresa
grazie


Autore Risposta: Frank
Inserita il: 16/12/2009 17:03:27
Messaggio:

Questo è un discorso che vorrei proprio approfondire; è una cosa che volevo montare sul GTF. 135 euro non sono molti se i vantaggi sono così evidenti.
Santana, potresti darci qualche altro dettaglio su partenze a freddo, spunto, ecc. ecc.???


Autore Risposta: santana
Inserita il: 16/12/2009 17:49:07
Messaggio:

Ho trovato la rivista Granturismo, si è proprio l'amico Nicola!
Sono molto lieto di darvi qualche notizia e sopratutto portare la mia esperienza (tralasciando quello sulla 500 che forse non interessa, ma ha cmq dato ottimi risultati )
Quello che è migliorato
1) erogazione più omogenea della coppia e della potenza. In pratica l'auto è più piacevole da guidare.
2) partenze a freddo più rapide, merito dello spike di tensione all'accensione
3) candele sempre pulite : le mie, Torquemaster, montate 2 anni fa e mai sostituite e/o pulite!
4) Mai più cambio e/o regolzione di puntine, cambio condensatore, calotta o distributore.
5) consumi ridotti...non ci ho fatto mai caso!
6) bobina sempre fredda : un elemento elettrico migliora il rendimento con la bassa temperatura (la mia bobina è della 75)
7) E' semplicissimo montarlo, non si vede e riconvertirla è un attimo.....

Frank ... se vuoi provarlo al ritorno delle feste natalizie ti presto il mio, però solo se lo provi sul GTF ...sono curioso di vederlo all'opera su un auto più spinta!!!!


Autore Risposta: Frank
Inserita il: 16/12/2009 18:56:28
Messaggio:

Grazie per l'offerta, ma di te mi fido! Era mia intenzione di montarlo proprio sulla GTF; con l'alzata delle valvole che ha e con le regolazioni che il meccanico mi ha chiesto vivamente di non pensare neanche a modificare (anticpio e carburazione), l'accensione elettronica risolverebbe molto i problemi che l'auto ha a freddo e nella marcia in città. Ora praticamente la uso solo "outdoor" e devo avere la pazienza di aspettare che le temperature siano al giusto punto, non per "tirare", ma per avere un'erogazione pronta ed omogenea anche ai bassi regimi senza necessariamente aspettare di far entrare il motore in coppia. Il Gu blu, non elaborato, al riguardo sembra quasi elettrico: riprende in terza da regimi bassissimi senza un sussulto, quasi troppo silenziosamente e senza mai aver bisogno di "sgassare".


Autore Risposta: santana
Inserita il: 16/12/2009 19:48:05
Messaggio:

Frank, lo sai, non ti devo dire che dei vuoti in basso li avrai sempre, se il motore ha cammes medio-pista con valvole maggiorate etc...è difficile farlo lavorare regolare "in basso" ... sono proprio le caratteristiche del tuo motore ad impedirlo ..... parlando con Nicola sembra,però, che molti preparatori siano soddisfatti dopo l'utilizzo di Ispark ... diciamo che per questo ero curioso di vedere come si comportava sul tuo GT ...
... ti consiglio di provarlo anche sul Gt blu, anche lì noterai la differenza .....

Per Tino ...


Immagine:

69,66 KB

Vedi come si presenta l'Intellispark...molto "discreto" (non fate caso al contenitore del filtro dell'aria...è rientrato nei ranghi!) ...

Se volete invitiamo Nicola sul forum, magari se qualcuno ha domande specifiche può risponderci ed essere d'aiuto..
Ciao...


Autore Risposta: raidino
Inserita il: 16/12/2009 20:17:01
Messaggio:

Ricordo male o Zenzero aveva prospettato che, modificando l'intensità della scintilla e il punto di scoppio, si potrebbero recare danni ai pistoni?

ecco una interessante lezione di Zenzero
http://www.duettoclub.it/forum07/topic.asp?TOPIC_ID=4795&whichpage=1&SearchTerms=scintilla


Autore Risposta: tino
Inserita il: 16/12/2009 21:09:47
Messaggio:

allora lo compro x il ods 1300!!!!!!!!!


Autore Risposta: santana
Inserita il: 16/12/2009 21:14:17
Messaggio:

Ispark non modifica nessuno dei parametri di cui parlava Zenzero .. ne parlammo anche in pvt con Aldo.....
non è una classica accensione elettronica...non innalza la tensione, compito questo della bobina che è un trasformatore elettrico in questo caso innalzatore di tensione (da 12V a qualche kV !) ...qui la bobina è la stessa, non fraintendiamo ....
diciamo che gestisce l'accensione...
Cerco di spiegarmi meglio : come innalzo la tensione da 12V a 20kV (20.000V!) se la batteria/alternatore eroga corrente continua? la devo "alternare"!(i trasformatori e/o innalzatori di tensione lavorano solo con corrente alternata) Come? Il ruttore sullo spinterogeno : le puntine in pratica, quella fissa e quella mobile. Fin qui tutto ok : alla bobina arriva il negativo dal contatto sotto chiave ed il positivo dallo spinterogeno.le puntine che si attaccano-staccano .. tic-tac-tic-tac....ed ecco la corrente alternata ed il gioco è fatto. Ora il problema è che magari ai bassi e medi regimi il sistema funzioni bene, anche se le puntine si attaccano, certo...circola corrente, non poca..deve comuqnue pilotare l'avvolgimento della bobina..l'arco elettrico è la causa dei contatti "butterati"...
poi agli alti regimi i limiti meccanici fanno il resto : immaginate lo spinterogeno che gira "come una trottola" e questi contatti che si "affannano" ad aprirsi e chiudere (passatemi le descrizioni figurate..è per spiegarmi meglio!) ..tic-tac-tic-tac-tic ... magari le puntine sono già un pò andate, alla bobina ci arriva un segnale sporco...etc...
in tutto questo l'Intellispark gestisce questi momenti (e molto altro) ... la tensione alla bobina non dipende più dal ruttore dello spinterogeno ma da IS ...che ottimizza i valori di tensione durante le fasi di accensione...
...
Ho provato altre accensioni elettroniche, quello opto-elettronico Inglese da 4/500euro, difficile da regolare e trovare la fase ...

In futuro se trovo un'accensione di una 75 prima serie con relativo spinterogeno con regolatore d'anticipo a depressione...lo provo, quello mi manca e sarebbe quello più adatto (ho anche i Dell'Orto DHLA40H con presa per il depressore...)


Autore Risposta: Frank
Inserita il: 17/12/2009 09:43:12
Messaggio:

Citazione:
Messaggio inserito da santana

Frank, lo sai, non ti devo dire che dei vuoti in basso li avrai sempre, se il motore ha cammes medio-pista con valvole maggiorate etc...è difficile farlo lavorare regolare "in basso" ... sono proprio le caratteristiche del tuo motore ad impedirlo ..... parlando con Nicola sembra,però, che molti preparatori siano soddisfatti dopo l'utilizzo di Ispark ..




Lo so, lo so bene. Mi basta solo migliorare le partenze a freddo e cercare di sporcare meno le candele nella marcia sottocoppia. Tutto qui. Quando quel motore va in coppia non ha bisogno di niente, credimi! Canta come un tenore e spinge come un treno, ovviamente nei limiti delle prestazioni che può dare un 1300 con la modesta preparazione che ho fatto. In ogni caso, fino ad ora, spingendolo un pò, ho trovato solo i miei limiti e non quelli della macchina. E sono contento così: perchè avere un'auto con prestazioni stratosferiche se non si è in grado di guidarla al limite?


Autore Risposta: santana
Inserita il: 17/12/2009 11:38:59
Messaggio:

Per i limiti c'è sempre "spazio" nel senso che tu e l'auto dovreste fare un giro in pista e verificare i vostri limiti ! ...
...
sicuramente il meccanico ti avrà cnsigliato anche le candele giuste, non so quali monti ma sicuramente saranno "fredde" o quantomeno "più fredde" delle solite Lodge 2HL o similari.
In fatto di candele ti posso portare la mia esperienza : oggi monto le Torquemaster sul 1600 strettamente di serie e non ho mai riscontrato difetti, come più volte ho affermato. Ne ho provate di candele, praticamente tutte quelle per il mio motore di serie.....
Per quanto riguarda candele per motori spinti mi hanno parlato bene delle Champion EON, le ho provate però su una Lancia Fulvia HF ... e devo dire che per quel poco che ho visto non ho notato buchi , alla fine le abbiamo smontate ed erano anche belle "nocciola"!...di sicuro sono in catalogo dei motori moderni, multivalvole, spinti, etc etc......bisogna sentire la Champion e vedere se sul tuo motore danno gli stessi risultati....sulla Fulvia andavano!...

La Champion le definisce termicamente elastiche, che fano il loro lavoro sia ai bassi che alti regimi...provarle,se possibile, non costa niente...magari associate anche ad IS .......


Autore Risposta: Frank
Inserita il: 17/12/2009 12:42:24
Messaggio:

Infatti. Il meccanico mi aveva consigliato e montato le Champion. Io poi, testadura, sono tornato alle Lodge. Ma devo dire che con le Champion la macchina andava sensibilmente meglio. La solita paura della scarica "a fittone"...

Tra l'altro ora nelle scatoline originali Alfa cosa c'è??? Le Champion!


Autore Risposta: santana
Inserita il: 17/12/2009 13:05:28
Messaggio:

DOc...non fare come "l'Alfabano" tuo compaesano emigrato nella Capitale () ... la tecnologia attuale non può far altro che migliorare le prestazioni delle auto di ieri, per prestazioni intendo l'auto a 360° : dal trattamento delle lamiere, alle vernici, agli olii, benzina, batterie, lampadine, etc etc....
per me vale il discorso che la carrozzeria non si tocca, per la parte meccanica ben venga il moderno.
Tu pensi che se all'epoca i piloti Alfa avessero avuto a disposizione candele "moderne" o cavi candele al silicone e quant'altro non le avrebbero sfruttate?? ...
Ti dico un'altra cosa : non temere la scarica a fittone..non fa male se è "da progetto"...e l'alternativa alle Lodge è sempre esistita per le Alfa, non ho mai sentito un motore andato in pezzi od un pistone bucato se si è stati attenti nello scegliere le candele, gli anticipi, o quant'altro...
.... poi ricorda che le Lodge anche se hanno 4 elettrodi "negativi" .. è sempre uno solo che scocca la scintilla con l'elettrodo centrale positivo, non fatevi trarre in inganno!!!!!:.....le Lodge sono un placebo per il motore Alfa e quando non si ropono prima o durante il montaggio valgono 4/5000km ...fatti male!!!


Autore Risposta: Frank
Inserita il: 17/12/2009 13:20:46
Messaggio:

Azzzz.... Ci voleva questa bella lavata di capo! E' giusto comunque. Sono le stesse cose che mi dice sempre il mio meccanico e che io continuo a non voler ascoltare.


Autore Risposta: santana
Inserita il: 17/12/2009 13:29:20
Messaggio:

Ci mancherebbe altro...!...ti dico solo quello che "ho provato sulla mia pelle" ..o meglio "sull'acciaio delle mie auto"!!:.. ..
sul fatto di fare di testa tua...beh..
pensa che io non ascolto ....i medici!! ..


Autore Risposta: cfransv
Inserita il: 17/12/2009 15:42:49
Messaggio:

mi fischiano un po' le orecchie

credo che lasciare i componenti/pezzi e quant'altro originali significhi non rompere quell'equilibrio armonico che ha portato tanto successo (commerciale e sportivo ) alle Alfa Romeo. Io sono per la purezza originale ..è il fascino delle vere Alfa.
E' vero che la tecnologia va avanti ma ristabilire un nuovo equilibrio nei vecchi bialbero non è che si possa fare sostituendo un solo componente con uno più moderno. E' come la medicina di oggi ..le troppe specializzazioni fanno mancare i medici che abbiano una competenza e visone di insieme del paziente.


Autore Risposta: santana
Inserita il: 17/12/2009 16:57:30
Messaggio:

!!!!!! Purtroppo ti devo contraddire : si, puoi migliorare il Bialbero (vedi? con la B!) usando tecnologie moderne.
Il fascino dell'originale è fuori discussione, ma qui parliamo di candele, cavi, "pezzettini" nascosti, etc.
Se per originalità intendi anche la guida e cioè le partenze difficoltose d'inverno (una volta non ernao così difficoltose solo perch le auto venivano usate tutti i giorni!!), l'imbrattamento nel traffico (anche qui vale quanto sopra), le temperature che salgono pericolosamente...etc....quindi il fascino di una guida vecchio stile (ricordo ancora i sommessi smadonnamenti di mio padre quando l'auto non andava come voleva!) con annessi e connessi.....
...in Primavera ed Estate a me capita di uscire il Venerdì sera e tornare La Domenica, macinando centinaia di km con moglie e figlia, e devo sentirmi sicuro , non deve essere una lotteria il viaggio....
...
Frank poi ha il motore comunque modificato ...se alcuni componenti originali non vanno bene li deve cambiare per forza ... non è che le Alfa le modificano solo oggi, DA SEMPRE gli Alfisti sono smanettoni sulle loro auto, più degli altri (il mio consigliere elettrauto/carburatorista a Napoli in gioventù era meccanico Alfa e la sera per arrotondare modificava le Giulia e le 2000 ai contrabbandieri di sigarette!!!!) ...
......
Carlo, se un giorno mi dovesse capitare sotto mano il tuo GT ..ti smonto le candele, ti metto le mie e tu??
ti chiederesti solo perchè l'auto va meglio!!!


Autore Risposta: cfransv
Inserita il: 17/12/2009 20:02:01
Messaggio:

Citazione:
Messaggio inserito da santana

!!!!!! Purtroppo ti devo contraddire : si, puoi migliorare il Bialbero (vedi? con la B!) usando tecnologie moderne.
Il fascino dell'originale è fuori discussione, ma qui parliamo di candele, cavi, "pezzettini" nascosti, etc.
Se per originalità intendi anche la guida e cioè le partenze difficoltose d'inverno (una volta non ernao così difficoltose solo perch le auto venivano usate tutti i giorni!!), l'imbrattamento nel traffico (anche qui vale quanto sopra), le temperature che salgono pericolosamente...etc....quindi il fascino di una guida vecchio stile (ricordo ancora i sommessi smadonnamenti di mio padre quando l'auto non andava come voleva!) con annessi e connessi.....
...in Primavera ed Estate a me capita di uscire il Venerdì sera e tornare La Domenica, macinando centinaia di km con moglie e figlia, e devo sentirmi sicuro , non deve essere una lotteria il viaggio....
...
Frank poi ha il motore comunque modificato ...se alcuni componenti originali non vanno bene li deve cambiare per forza ... non è che le Alfa le modificano solo oggi, DA SEMPRE gli Alfisti sono smanettoni sulle loro auto, più degli altri (il mio consigliere elettrauto/carburatorista a Napoli in gioventù era meccanico Alfa e la sera per arrotondare modificava le Giulia e le 2000 ai contrabbandieri di sigarette!!!!) ...
......
Carlo, se un giorno mi dovesse capitare sotto mano il tuo GT ..ti smonto le candele, ti metto le mie e tu??
ti chiederesti solo perchè l'auto va meglio!!!




Ciro ripetto il tuo pensiero. diciamo che ci sono 2 correnti di pensiero. Alla tua ho appartenuto.
Alla fine degli anni '60 giravano a bari gt preparati (ricordo che c'era un nome "Gelao" preparatore alfa .. vero Frank?)davanti ai quali sbavavo. Sicuramente allora se avessi potuto lo avrei fatto "preparare" . si andava a "tirare" sulla circonvallazione allora in costruzione. Ma erano ardori giovanili (avevo un gt 1900 opel "rivisitato" ma era un mezzo bidone). Oggi sono per la originilatà. I pochi studi fatti mi hanno poi fatto capire che i progetti originali hanno sempre in considerazione le situazioni ottimali (specie per l'affidabilità) e modificare quelle caratteristiche comporta dei rischi appunto per l'affidabilità in senso generale.
Ma siccome oggi questa nostra passione è un gioco è chiaro che quello che diverte di più è lecito farlo. Però ritengo che una variazione sostanziale debba essere oggetto di profonda attenzione (zenzero ci raccontò se non ricordo male perchè le candele non possono essere messe a caso e perche le lodge 2hl erano le migliori poi se non si trovno le lodge è un altro discorso)e il mantenimento del patrimonio originale alfistico resta affidato alla originalità e magari allo studio del perchè di certe soluzioni ottimali dei progettisti(mi piacerebbe più in la dedicarmici). Posso accettare modificazioni reversibili ..sempre per giocare.
Però ripeto la conservazione delle originali soluzione tecnico/tecnologiche per me rendono la macchina fascinosa. Quando guido mi piace stare proteso a sentire se c'è qualche rumore fuori posto e mi compiaccio quando tutto va bene e mi diverto se c'è qualcosa che non va bene a capire cosa sia. L'affidabilità è quella propria della macchina e anche quella di una macchina trentennale (nel mio caso anche quarantennale)con cui bisogna sempre fare i conti.
In conclusione rispetto il tuo pensiero ..ma non lo condivido


Autore Risposta: santana
Inserita il: 17/12/2009 20:25:37
Messaggio:

Grazie Carlo!...ma per carità, il tuo vivere l'auto d'epoca è assolutamente rispettabile, mai mi sognerei di criticare seppur per scherzo il pensiero e la libertà altrui.....sopratutto se argomentati seriamente come hai fatto tu.
Io da giovane, da molto giovane, mi divertivo a modificare le auto e correrci...poi mi sono stufato. Venduta l'auto che utilizzavo con amici per correre mi comprai il Duetto. La pensavo come te oggi ed in qualche modo lo penso ancora adesso : non credo che si possa fare meglio dell'Alfa con i suoi motori. Poi mano a mano la curiosità di cambiare, di verificare, di provare mi ha ripeso (forse è deformazione professionale), ma poco, quel poco che mi fa apprezzare meglio la mia auto. A parte un paio di cose sono sempre tornato indietro ....ma mi piace giocare, e come ti ho detto in qualche occasione, mi divertivo di più con il Duetto quando era "cantiere" ...ora non è la stessa cosa! ed ecco che mi invento le modifiche ...


Autore Risposta: cfransv
Inserita il: 17/12/2009 20:47:41
Messaggio:

Citazione:
Messaggio inserito da santana

Grazie Carlo!...ma per carità, il tuo vivere l'auto d'epoca è assolutamente rispettabile, mai mi sognerei di criticare seppur per scherzo il pensiero e la libertà altrui.....sopratutto se argomentati seriamente come hai fatto tu.
Io da giovane, da molto giovane, mi divertivo a modificare le auto e correrci...poi mi sono stufato. Venduta l'auto che utilizzavo con amici per correre mi comprai il Duetto. La pensavo come te oggi ed in qualche modo lo penso ancora adesso : non credo che si possa fare meglio dell'Alfa con i suoi motori. Poi mano a mano la curiosità di cambiare, di verificare, di provare mi ha ripeso (forse è deformazione professionale), ma poco, quel poco che mi fa apprezzare meglio la mia auto. A parte un paio di cose sono sempre tornato indietro ....ma mi piace giocare, e come ti ho detto in qualche occasione, mi divertivo di più con il Duetto quando era "cantiere" ...ora non è la stessa cosa! ed ecco che mi invento le modifiche ...






confesso che sul gtj avevo messo un Nardi (acquistato dal Giappone)ma Luciano per via del riar me lo ha fatto togliere ..ma poi lo rimetterò


Autore Risposta: santana
Inserita il: 17/12/2009 20:50:10
Messaggio:

mmmh.....dov'è ora? Il Nardi...non Luciano!


Autore Risposta: Frank
Inserita il: 18/12/2009 10:41:26
Messaggio:

In ogni caso il Nardi è un accessorio d'epoca, quindi tollerato ed ammesso dal Riar. Credo...


Autore Risposta: raidino
Inserita il: 18/12/2009 15:08:37
Messaggio:

Citazione:
Messaggio inserito da cfransv

[quote]Ciro ripetto il tuo pensiero. diciamo che ci sono 2 correnti di pensiero. Alla tua ho appartenuto.
Alla fine degli anni '60 giravano a bari gt preparati (ricordo che c'era un nome "Gelao" preparatore alfa .. vero Frank?)davanti ai quali sbavavo. Sicuramente allora se avessi potuto lo avrei fatto "preparare" . si andava a "tirare" sulla circonvallazione allora in costruzione. Ma erano ardori giovanili (avevo un gt 1900 opel "rivisitato" ma era un mezzo bidone). Oggi sono per la originilatà. I pochi studi fatti mi hanno poi fatto capire che i progetti originali hanno sempre in considerazione le situazioni ottimali (specie per l'affidabilità) e modificare quelle caratteristiche comporta dei rischi appunto per l'affidabilità in senso generale.
Ma siccome oggi questa nostra passione è un gioco è chiaro che quello che diverte di più è lecito farlo. Però ritengo che una variazione sostanziale debba essere oggetto di profonda attenzione (zenzero ci raccontò se non ricordo male perchè le candele non possono essere messe a caso e perche le lodge 2hl erano le migliori poi se non si trovno le lodge è un altro discorso)e il mantenimento del patrimonio originale alfistico resta affidato alla originalità e magari allo studio del perchè di certe soluzioni ottimali dei progettisti(mi piacerebbe più in la dedicarmici). Posso accettare modificazioni reversibili ..sempre per giocare.
Però ripeto la conservazione delle originali soluzione tecnico/tecnologiche per me rendono la macchina fascinosa. Quando guido mi piace stare proteso a sentire se c'è qualche rumore fuori posto e mi compiaccio quando tutto va bene e mi diverto se c'è qualcosa che non va bene a capire cosa sia. L'affidabilità è quella propria della macchina e anche quella di una macchina trentennale (nel mio caso anche quarantennale)con cui bisogna sempre fare i conti.
In conclusione rispetto il tuo pensiero ..ma non lo condivido



Quoto in pieno e, per restare alle candele, fino ad esaurimento della mia scorta userò le 2hl, poi si vedrà (le ultime 8 le ho comprate a Roma qualche mese fà a 5 euro e non ne avevano più).
Il Mago lo chiamo così anche perchè mette a punto carburazione ed anticipo in maniera eccezionale. Nè il Duetto nè il GT mi danno problemi, a freddo come a caldo, a minimo o tirando. E se sento qualcosa di strano mi diverto anch'io a cercare di capire cosa succede.


Autore Risposta: ragnorosso
Inserita il: 27/12/2009 18:01:17
Messaggio:

ne ho avuta una silile sul 128 sl e ha funzionato sempre splendidamente per anni


Duetto Club Italia - Il forum : http://www.duettoclub.it/forum/

© 2000-02 Snitz Communications

Chiudi Finestra