Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

Non sei registrato? REGISTRATI!

 Tutti i Forum
 AREA STORICA
 Presente e futuro dell'Alfa
 Gruppo Fiat e marchio Alfa Romeo - il futuro.
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 121

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 25/07/2016 : 16:44:26  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
MOTORI ALFA ROMEO

Volevo fare alcuni raffronti con uno dei marchi più blasonati ed importanti del mondo dell’automobile, che costituisce certamente un punto non solo di eccellenza ma anche di riferimento per tutte le vetture “premium” di ogni segmento: BMW.

BMW ha razionalizzato molto l’offerta dei suoi propulsori; attualmente, per poter proporre la sua ampia gamma ed anche una vasta scelta all’interno di ogni modello, per lo meno in Italia BMW propone le seguenti motorizzazioni (tenete conto che ho guardato solo la Serie 3, quella che ora ci interessa di più):

BENZINA
3 cilindri 1.475 cc 136 CV a 4.500 giri 143 Nm (318i)
6 cilindri 2.998 cc 326 CV a 5.500 giri 450 Nm (340i)
6 cilindri 2.979 cc 431 CV a 5.500 giri 550 Nm (quello della M3)

DIESEL
4 cilindri 1.995 cc 116 CV a 4.000 giri 270 Nm (316d)
4 cilindri 1.995 cc 150 CV a 4.000 giri 320 Nm (318d)
4 cilindri 1.995 cc 163 CV a 4.000 giri 400 Nm (320 Efficient Dynamic)
4 cilindri 1.995 cc 190 CV a 4.000 giri 400 Nm (320d)
4 cilindri 1.995 cc 224 CV a 4.400 giri 450 Nm (325d)
6 cilindri 2.993 cc 258 CV a 4.000 giri 560 Nm (330d)
6 cilindri 2.993 cc 313 CV a 4.400 giri 630 Nm (335d)

Quindi, come si vede, BMW utilizza di fatto 3 motori a benzina (… e magari il 3 cilindri è ricavato con molti particolari del 6, visto che ha metà cilindrata – ma questa è una illazione) – di cui uno è quello della M3 - e 2 diesel, dai quali però deriva parecchi step di potenza diversi: i propulsori, però, sono sempre gli stessi.


Ad oggi, invece, l'Alfa Romeo Giulia ha a disposizione:

BENZINA
4 cilindri 2.000 cc 200 CV a 5.000 giri 330 Nm
6 cilindri 2.891 cc 510 CV a 6.500 giri 600 Nm a 2.500 giri (Giulia Quadrifoglio)

DIESEL
4 cilindri 2.143 cc 150 CV a 4.000 giri 380 Nm
4 cilindri 2.143 cc 180 CV a 3.750 giri 450 Nm

Che cosa si può dire?
Beh … intanto spero mi perdoniate, perché non ho avuto il tempo di vedere da che regime di giri è disponibile la coppia massima.

Sui motori a benzina, è chiaro che il performante Alfa della Quadrifoglio ha caratteristiche assolutamente superiori a quello che equipaggia la M3 (ma è anche più moderno); per quanto riguarda il 2.000, invece, non possiamo dire quasi nulla visto che ad oggi non è ancora disponibile dai concessionari (questione di poco, ormai) e BMW non ne propone nemmeno uno di caratteristiche similari. Alfa. Quando Alfa proporrà quello destinato agli USA da 280 CV faremo qualche considerazione ulteriore.

Sulle motorizzazioni diesel, l’Alfa da 150 CV ha molta più coppia rispetto al pari potenza BMW e quello da 180 CV può essere paragonato al più potente BMW da 190 CV che, però, ha decisamente meno coppia.

Naturalmente, le motorizzazioni Alfa sono soltanto le primissime. A quello qui riportate si aggiungeranno certamente il benzina da 280 CV già citato ed uno da 250 CV (forse per l’Italia, visto che quello è il limite di potenza per evitare aggravi fiscali (superbollo), entrambi molto probabilmente abbinati alla trazione integrale.
Per i diesel, potrebbe essere immesso un ulteriore motorizzazione da 210 CV abbinato anch’esso alla trazione integrale e – forse – un 3.000 cc di cui, però, non ci sono ulteriori indiscrezioni (anzi …) e destinato a contrastare le versioni più potenti della concorrenza.

Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO

Modificato da - stefanosir in data 26/07/2016 08:10:03
Torna all'inizio della Pagina

nigel68
Utente Senior


Piemonte

1155 Messaggi

Inserito il - 25/07/2016 : 17:02:31  Mostra Profilo Invia a nigel68 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Mancano in entrambi i casi dei benzina di cubatura e soprattutto potenza intermedia...ma è un problema dovuto al nostro vomitevole regime fiscale unito alla storica menzogna del diesel.

In mercati più maturi (ad esempio Svezia) la serie 3 è disponibile con un 4 cilindri in varie declinazioni di potenza:
320i - 184 CV
330i - 252 CV

Per la Giulia ci vorrebbe un 4 cyl tipo il 1750 turbo di potenza inferiore ai 200 cv...sempre a mio avviso.

"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso, il suo primo desiderio non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli (1909-2001)
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 25/07/2016 : 17:36:08  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bravo, Nigel. Allora aggiorniamo la tabella dei motori BMW...

BENZINA
3 cilindri 1.475 cc 136 CV a 4.500 giri 143 Nm (318i)
4 cilindri 1.998 cc 184 CV a 5.000 giri 270 Nm (320i) solo estero
4 cilindri 1.998 cc 252 CV a 5.200 giri 350 Nm (330i) solo estero
6 cilindri 2.998 cc 326 CV a 5.500 giri 450 Nm (340i)
6 cilindri 2.979 cc 431 CV a 5.500 giri 550 Nm (quello della M3)

Il 2.000 a benzina dell'Alfa, allora, possiamo dire che fa un figurone ... no?

Per quanto riguarda la non-commercializzazione della motorizzazione da benzina da 1.998 cc in Italia, la ragione principale probabilmente sta nel fatto che tale alimentazione è molto meno richiesta in Italia non tanto per il peso fiscale (il superbollo opera sulle potenze oltre i 250 CV), quanto per l'ampio divario esistente fra il prezzo alla pompa dei due carburanti; inoltre, i motori diesel consumano mediamente meno (oltre ad erogare maggior coppia).
Questi due fattori, messi insieme, li rendono maggiormente economici oltre certe percorrenze.
L'ago della bilancia si sta comunque spostando nuovamente verso le motorizzazioni a benzina, grazie ai grandi passi avanti fatti su molte componenti, quali l'efficienza delle turbine e dei sistemi di iniezione; quelli di ultima generazione, in effetti, sono molto più parchi nei consumi e quindi il gap (su questo aspetto) nei confronti dei diesel si sta assottigliando.



Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO

Modificato da - stefanosir in data 25/07/2016 18:25:43
Torna all'inizio della Pagina

nigel68
Utente Senior


Piemonte

1155 Messaggi

Inserito il - 26/07/2016 : 09:09:30  Mostra Profilo Invia a nigel68 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Se parliamo di piacere di guida, solo un non esperto di motori può preferire un 4 cilindri a nafta ad un motore a benzina pur meno potente. Non si può pensare che, in un mercato maturo, una sedan la compri solo un rappresentante macinachilometri. Ma purtroppo il nostro è oramai un mercato del Terzo Mondo.

Per vendere bene in certi mercati come Svizzera o altri soprattutto extra UE, una motorizzazione benzina sotto i 200 cv è indispensabile.

"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso, il suo primo desiderio non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli (1909-2001)
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 26/07/2016 : 11:00:09  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ALFA ROMEO GIULIA in Cina.

Car News China ha pubblicato la fotografia di un esemplare di Alfa Romeo Giulia in Cina: si tratta del primo esemplare documentato su suolo cinese. Evidentemente l'Alfa Romeo sta mettendo a punto la vettura dedicata anche a questo importantissimo mercato. Nei prossimi mesi, infatti, dovrebbe avvenire il lancio in Cina del modello (la cui produzione resta comunque in Italia!).

Uno dei problemi che dovrà affrontare il biscione è dato dal fatto che il marchio Alfa Romeo pare non sia molto conosciuto in Cina, contrariamente a quanto avviene in Europa e negli Stati Uniti.
Inoltre, un'altra difficoltà sarebbe quello di predisporre una rete di concessionari che sia idonea a sostenere il lancio commerciale come si deve; per la campagna di marketing che faccia sapere ai clienti cinesi della presenza di questa nuova berlina sul vasto mercato cinese, invece, penso che non vi siano grandi difficoltà, ma dovrà essere molto centrata, visto che il marchio non è mai stato disponibile ufficialmente in Cina.

Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 27/07/2016 : 10:05:07  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
VW dieselgate negli USA

Un tribunale americano ha approvato, in via preliminare, l’accordo tra Volkswagen e l’Authority Usa per chiudere il Dieselgate. L’accordo prevede rimborsi da 14,7 miliardi (10 miliardi per il riacquisto di auto e il resto per i risarcimenti, tra i 5 e i 10mila dollari a testa. Vw verserà 2,7 miliardi in un fondo ambientale e altri 2 miliardi per sviluppare veicoli a zero emissioni (si veda il Parterre a pag. 23). La decisione finale arriverà il 18 ottobre, dopo aver ascoltato i rappresentanti dei consumatori.

Avete letto bene? 10 MILIARDI PER IL RIACQUISTO DELLE AUTO e RISARCIMENTI TRA I 5.000 E 10.000 DOLLARI AD OGNI CLIENTE DANNEGGIATO!!! (e questo è un accordo preliminare dichiarato ammissibile da un tribunale; bisognerà vedere se poi quello finale non sarà ulteriormente peggiorativo. Comunque su questo VW ha messo la propria firma).

E in Europa? In Europa va tutto bene! Tutto è stato risolto con qualche bel richiamo inviato ai clienti (frodati) della Casa che sta provvedendo (con calma, eh!) ad eseguirli, riconsegnando agli acquirenti una vettura che consumerà di più ed avrà prestazioni più basse, senza risolvere completamente il problema e ... senza alcun indennizzo per vetture che avrebbero dovuto avere ben altre prestazioni e consumi: eppure i clienti VW avevano pagato un prezzo per avere delle auto con caratteristiche differenti, mica gli avevano fatto lo sconto!
Ma si sa ... c'è chi sta avanti di decenni (USA) con norme antinquinamento, norme sugli urti, norme sui richiami, class action ...) ed altri che rincorrono (Europa) ma che si professano più i civili e la culla della cultura ...

Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO
Torna all'inizio della Pagina

nigel68
Utente Senior


Piemonte

1155 Messaggi

Inserito il - 27/07/2016 : 10:11:42  Mostra Profilo Invia a nigel68 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
L'inganno del diesel automobilistico lo stanno perpetrando da decenni ma qui nessuno fiata, solo perché il prezzo del gasolio fa comodo tenerlo basso... quando in realtà il suo costo industriale è MAGGIORE di quello della benzina.

"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso, il suo primo desiderio non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli (1909-2001)
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 27/07/2016 : 13:45:00  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
VENDITE ALFA ROMEO GIULIA

Questi dati possono essere interpretati solo dagli esperti del settore, QUINDI VI PREGO DI prendeteli solo come una semplice informazione, come un dato: la Giulia infatti è stata appena immessa nel circuito distributivo, ha per ora poche motorizzazioni, ha disponibile la sola trazione posteriore (manca ancora l'integrale), le consegne dipendono fortemente dai ritmi della fabbrica di motori e di assemblaggio, devono cercare di accontentare tutti i mercati nazionali europei (anche se hanno dato una via prioritaria all'Italia), ... quindi, anche se avessero un miliardo di richieste, non sarebbero in grado di soddisfarle.

Prendiamo quindi semplicemente atto che le Giulia consegnate a giugno nei 29 paesi europei in cui sono iniziate le vendite sono state 1.332 , di cui 800 in Italia.
Questa la situazione delle consegne in Europa relative alle brerline Premium del Segmento D:



Immagine:

38,55 KB


I primi commenti sono molto positivi, ma io non sono in grado di dire qualcosa che sia serio e circostanziato nel merito.

Certo appare chiaro che i risultati di Jaguar XE e di Volvo S60/V60 dovrebbero essere "a tiro" della Giulia non appena la rete di vendita avrà la disponibilità effettiva di poter consegnare il nuovo modello ai propri clienti, ma è chiaro che nel mirino ci sono le 3 regine tedesche del mercato: ora Alfa Romeo pare avere un ottimo prodotto, sulla carta ha dei motori assolutamente competitivi (in molti casi superiori alla concorrenza), avrà una gamma molto completa, le prime impressioni di clienti e stampa specializzata sono davvero molto positivi, ma dovrà completare il tutto la capacità della rete di assistenza e l'affidabilità nel tempo. Ma la rincorsa è partita, questa volta l'Alfa ha in mano uno strumento per scardinare il mercato "Premium" e per competere ad armi pari.
In bocca al lupo!

Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 29/07/2016 : 08:21:08  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Un'idea per la prossima sportiva Alfa Romeo.

Vi volevo segnalare questo breve articolo su Autoblog, dove viene illustrato il progetto dell'ipotetica Alfa Romeo 6C, messo a punto tesi di laurea in Ingegneria del Veicolo presso il dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Modena.

http://www.autoblog.it/post/815246/alfa-romeo-6c-il-progetto-di-un-lettore

Vi consiglio di leggerlo e, soprattutto, di guardare le varie foto che mostrano questa concept, fortemente ispirata all'attuale Alfa Romeo 4C, ma pensata per essere realizzata sul telaio della Ferrari 458 Italia e progettata per essere equipaggiata con il propulsore Alfa Romeo a 6 cilindri biturbo da 510 CV che equipaggia l'odierna Giulia Quadrifoglio, in luogo dell'8 cilindri Ferrari!

Che ne dici, Arste?


Immagine:

68,43 KB



Immagine:

73,84 KB

Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO

Modificato da - stefanosir in data 29/07/2016 08:47:40
Torna all'inizio della Pagina

ArSte
Utente Medio


Emilia Romagna

155 Messaggi

Inserito il - 29/07/2016 : 10:33:09  Mostra Profilo Invia a ArSte un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
E' interessante l'idea di dedicare attenzione all'Alfa con questo tipo di prodotti, specialmente da parte di un giovane (noi purtroppo ormai siamo diversamente giovani ...)
L'idea del tetto andrebbe approfondita e probabilmente contiene idee che vogliono tutelare con dei brevetti enon sono ancora pronti a pubblicare.

È da apprezzare una tesi di progetto completo di vettura: è una cosa rara e difficile, ed è un bel segnale in anni di iperspecializzazione
Torna all'inizio della Pagina

cfransv
Utente Master


Lazio

4697 Messaggi

Inserito il - 29/07/2016 : 17:56:19  Mostra Profilo Invia a cfransv un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da stefanosir

Un'idea per la prossima sportiva Alfa Romeo.



Immagine:

73,84 KB



bella idea! geniale!
una ferrari col musetto che richiama l'Alfa Romeo

SOCIO N. 800
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 04/08/2016 : 11:51:50  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
I NUOVI MODELLI ALFA

La sequenza dei modelli comincia a delinearsi, anche se ci sono ancora diversi punti interrogativi. Queste le principali tappe per il marchio:

2016 ALFA ROMEO GIULIA (Prog.952)
2017 ALFA ROMEO STELVIO (Prog.949)
2018 ALFA ROMEO ALFETTA (Prog.961)
2020 ALFA ROMEO GIULIETTA

Per quanto riguarda lo STELVIO, dovrebbe essere presentato in anteprima mondiale al Los Angeles Auto Show il prossimo novembre e dovrebbe entrare in produzione fin da dicembre, queste almeno le indiscrezioni che circolano; vedremo se questi saranno i tempi oppure se lo Stelvio sarà effettivamente i vendita solo a marzo 2017. La versione della presentazione potrebbe essere la versione di punta che per ora potremmo anche chiamare QUADRFOGLIO), come già avvenuto per l'attuale Giulia.

Nella scaletta, naturalmente, mancano diversi modelli molto importanti:
- il SUV GRANDE (su base Alfetta)
- il SUV PICCOLO (su base Giulietta) (Prog.962)
- la GTV e la SPIDER (Prog.963)

Tutti i nomi sopra indicati sono quelli che la stampa specializzata (ma anche gli appassionati) usano per identificare i futuri modelli, ma non c'è certezza che tali denominazioni verranno confermate; intanto anche noi le chiamiamo così, finché non avremo news in merito.

Per quanto riguarda la GIULIA, prosegue la presentazione e la commercializzazione delle ulteriori versioni: ora c'è anche il motore a benzina da 200 CV, fra poco verrà avviata la commercializzazione negli USA con i soli motori a benzina della Quadrifoglio ed il 4 cilindri 2.000 da 280 CV. anche in Cina si stanno muovendo i passi per arrivare alla sua commercializzazione.

Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO

Modificato da - stefanosir in data 17/08/2016 11:07:34
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 05/08/2016 : 08:39:40  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Proseguono le illazioni che riguardano i futuri modelli di Alfa Romeo: secondo un famoso giornale inglese specializzato:

- l'ALFA ROMEO STELVIO debutterà al Salone di Parigi in ottobre;
- entro la fine del 2017 dovrebbe arrivare una versione SPORTWAGON dell'ALFA ROMEO GIULIA;
- il SUV GRANDE dovrebbe arrivare nel corso del 2018.
- la nuova GIULIETTA si dividerà in 2 modelli diversi: uno sarà l'erede del modello attuale, l'altro sarà più vicino alla Giulia;
- la GTV (una sportiva di grandi dimensioni) sarà proposta in versione COUPE' e SPIDER e non arriverà prima del 2020;
- sull'ALFETTA invece il giornale avanza dei dubbi, visto che il Segmento E (grandi berline) sta soffrendo moltissimo.

Che dire?
Probabilmente alcune cose sono corrette, altre no; la Giulietta che prevede 2 modelli differenti è un'ipotesi certo non nuova, visto che da tempo si pensava ad una hatchback ed ad una berlina (oppure ad una versione Sportwagon) e lo avevamo riportato anche noi più volte.

Mah, personalmente penso che abbiano adottato un PIANO INDUSTRIALE alquanto FLESSIBILE, per quanto riguarda il momento di uscita dei nuovi modelli, in modo da potersi regolare in base anche all'andamento dei mercati: questa sarebbe un'ottima arma di difesa ed una strategia molto opportuna, visto che il mercato dell'auto (e l'economia) ha degli alti e bassi in diverse zone del mondo.
Penso, però, che tutti i modelli siano ormai definiti e che tecnici e progettisti li abbiano portati avanti tutti: qualcuno sarà ad uno stadio maggiormente avanzato (lo Stelvio, per esempio), altri più indietro (penso all'Alfetta ed alla Giulietta).

Per tornare alle ipotesi "inglesi" qui riportate, la versione SPORTWAGON della GIULIA è cosa alquanto dibattuta, come abbiamo visto; ultimamente, comunque, sono uscite indiscrezioni (non so quanto fondate) circa una versione COUPE' della nuovissima berlina di Segmento D e di una possibile versione GTA (ma in questo caso sarebbe una variante potenziata dell'attuale Quadrifoglio) sempre della Giulia; infatti sono stati sorpresi più di una volta dei prototipi con appendici aereodinamiche maggiormente spinti ed un assetto ancora più "basso" e corsaiolo rispetto alla versione attualmente in listino.
Vedremo ...

Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 17/08/2016 : 09:47:44  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Qualche piccolo aggiornamento:

GIULIA
La versione GTA (che era stata ipotizzata, dal momento che erano stati sorpresi dei muletti con allestimenti particolarmente aggressivi) non è stata confermata; è possibile, pertanto, che questi muletti - con appendici areodinamiche maggiorate ed assetto molto ribassato - potrebbero essere le auto di prova per un ulteriore allestimento della vettura (che potrebbe essere denominato "Veloce"), ad oggi ancora non disponibile.

Le vendite della Giulia nel mese di Luglio non sono disponibili, ma sicuramente si sono collocate ad un livello inferire rispetto a quello di Giugno (per lo meno, in Italia): dobbiamo abituarci a questi dati un po' altalenanti, perché la vettura è appena entrata in produzione, sta entrando nella rete distributiva ma è probabile che abbiano dirottato gran parte della produzione (che, ricordiamo, non è ancora a regime) sugli altri mercati europei dove il modello è fortemente atteso. In ogni caso, il marchio ha comunque riportato vendite in netta crescita sui principali mercati (+6,1 in Italia; +6,7% in Francia; +29,7% in Germania; +15,9% in Spagna; +41,5% in Gran Bretagna).

STELVIO
Parrebbe che verrà presentato o ad Ottobre a Parigi oppure a Los Angeles in novembre (ora maggiormente accreditato). I muletti della nuova vettura continuano a girare coperti da una pesante camuffatura che ne impedisce di apprezzarne la linea (su cui si possono fare solo congetture; diversi sono i renderings in circolazione che provano ad ipotizzarlo); uno è stato avvistato addirittura in Patagonia e chi l'ha "beccato" con la macchina fotografica pare abbia anche detto che di aver potuto vederne gli interni. che ha definito "spettacolari".

Questo un rendering preparato da RM design, sulla base delle foto e delle notizio disponibili:

Immagine:

64,22 KB



ALFETTA
Comincia a delinearsi il periodo in cui, molto probabilmente, verrà presentata: fine del 2018!
Anche di questa vettura circolano da tempo alcuni renderings - tutti assolutamente di fantasia - che si ispirano molto alla Giulia, il primo modello del nuovo corso cui dovrebbero far riferimento tutti i modelli successivi; già quelli attuali (Mito e Giulietta) vi si sono infatti adeguati tramite i restylings di cui sono stati oggetto.
Qui vi propongo il randering di Thorsten Krisch, un disigner tedesco, che mi è parso abbastanza in linea con l'attuale Giulia e che ho trovato alquanto gradevole, pur con qualche elemento meno bello:

Immagine:

51,77 KB


Immagine:

52,37 KB



SUPERCAR - un sogno?
Lascio per ultima una indiscrezione che si sta facendo sempre più largo ultimamente e che, se fosse confermata, costituirebbe davvero la ciliegina sul gelato per qualunque Alfista: parrebbe che, una volta che la gamma di tutte le vetture sarà a regime, nel futuro dell'Alfa Romeo ci potrà essere una vera SUPERCAR, cioè una vera vettura sportiva a 2 posti che si possa porre nel solco della stupenda Alfa Romeo 8 C, ma senza il limite produttivo che contraddistinse tale modello (sigh! Era strepitosa!!!!).

Sarebbe davvero il coronamento di una gamma importante, nata in pochissimi anni ed in grado finalmente di costituire una vera alternativa ai modelli delle case più in voga oggi (ma che non hanno - forse tranne Mercedes e Porsche - il fascino che da sempre contraddistinto le auto del biscione).
E' anche la dimostrazione che in FCA hanno le idee, la professionalità e la capacità di progettare e fare vetture assolutamente di livello, ma che la situazione economico/finanziaria della Società non ha mai potuto esprimere. Oggi la situazione è profondamente cambiata 8anche se dei problemi importanti devono sempre essere risolti ...), ma son stati bravi anche a sfruttare la complementarietà e le sinergie fra il Gruppo Fiat ed il Gruppo Chrysler, non c'è che dire: Giulia, 500, le Maserati, tutte le Jeep ne sono una bella dimostrazione.

Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO

Modificato da - stefanosir in data 17/08/2016 13:49:48
Torna all'inizio della Pagina

stefanosir
Duettista junior



Veneto

11001 Messaggi

Inserito il - 19/08/2016 : 08:59:38  Mostra Profilo Invia a stefanosir un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
GIULIA – nuovo allestimento “Veloce”.

E’ stato sorpreso un esemplare in prova del nuovo (probabile) allestimento “Veloce” previsto per la Giulia.

Immagine:

55,9 KB

Immagine:

72,64 KB


Come si vede dalle foto, le modifiche esterne maggiormente evidenti riguardano i paraurti, uguali a quelli già visti al Salone dell’Automobile di New York.

Anteriormente si possono notale le maggiori dimensioni delle prese d’aria inferiori, a metà strada fra quelle della versione normale e della versione Quadrifoglio. Dietro si nota, invece, la modifica della forma dell’estrattore che si presenta maggiorato e con 3 appendici aerodinamiche. Questi paraurti, comunque, non dovrebbero essere una sua esclusiva in quanto pare che verranno riproposti come optional anche per le altre versione di Giulia all’interno di appositi Packs.

Ma l’indiscrezione più importante potrebbe riguardare proprio il motore: pare infatti che per questo modello sia previsto il motore identificato dalla sigla AE, che dovrebbe indicare la presenza di un “Attuatore Elettrico”: tale propulsore dovrebbe essere il 2.000 turbo benzina dotato di una batteria supplementare da 48 Volt in aggiunta a quella da 12 V, che in totale dovrebbe portare la potenza a 350 cavalli.



Socio D.C.I. n.892
Oo=V=oO
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 121 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Duetto Club Italia - Il forum © 2000-02 Snitz Communications Torna all'inizio della Pagina
Pagina generata in 0,36 secondi. TargatoNA.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000